8 tecniche di link building ancora valide nel 2019

La verità è che se vuoi far crescere il tuo sito sui motori di ricerca e ottenere più visite, senza link è un’impresa quasi impossibile.

I link sono ancora il 1° fattore di ranking per Google, la loro importanza nel permettere a Google di comprendere la reputazione di un sito è ancora fondamentale.

Sostanzialmente la link building non è altro che far puntare i link da una pagina di un sito a un altro: infatti grazie alla presenza dei link gli utenti possono navigare da un sito all’altro o da una pagina all’altra. E’ un concetto molto semplice, quanto fondamentale.

Se ci pensate la rete non è altro che un insieme di miliardi di link interconnessi tra loro.

Per quanto riguarda i motori di ricerca, i link permettono ai vari [tooltip hint=”Chiamati anche comunemente SPIDER sono dei programmi che navigano i siti attraverso i link scoprendo così la rete che unisce le varie pagine, da qui il nome SPIDER che in italiano significa ragno”]bot[/tooltip] di poter scannerizzare le pagine di un sito. E’ per questo motivo che in una strategia SEO va sempre tenuta in considerazione una campagna di link building.

Finchè non si prende in considerazione la possibilità di fare una campagna di link building sarà molto difficile che il vostro sito internet raggiunga le prime posizioni. Magari per qualche parola con 200/300 ricerche al mese riuscite ad entrare in prima pagina, ma diciamolo, a che cosa vi servono queste visite?

 

8 tecniche di link building che funzionano ancora nel 2019

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]1[/dropcap]Help a Reporter Out technique

Questa tecnica, conosciuta anche come HARO, che è l’acronimo di Help A Reporter Out, è una piattaforma che mette in contatto giornalisti e fonti.
Mentre i giornalisti la usano per scoprire nuove storie, la si può anche usare per presentare la nostra storia ai giornalisti; ovviamente deve essere una storia vera e fondata, altrimenti si rischia di compromettere la propria reputazione.

Per poter iniziare ad utilizzare HARO è sufficiente iscriversi gratuitamente a questo indirizzo per iniziare a ricevere le richieste.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]2[/dropcap]Scrivere riguardo a temi caldi del momento.

Questa è l’attività classica, ma ancora valida per fare link building. Creare dei contenuti per un blog riguardo a dei temi caldi è un’ottimo modo per ottenere dei link da altri siti internet.

Siccome più la notizia è nuova, meno informazioni ci sono al momento, più alte sono le possibilità di posizionarsi in breve tempo nelle prime pagine dei motori di ricerca e di conseguenza aumentare le chance di ottenere link da altri siti.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]3[/dropcap]Co-authoring

Un’altra tecnica è il Co-authoring che consiste nello scrivere diversi articoli e di contattare diversi webmaster dicendo loro di pubblicare il vostro articolo sul loro sito chiedendo in cambio un backlink al vostro sito come citazione.

Se siete esperti di un argomento, meglio ancora se la vostra esperienza è riconosciuta, non avrete problemi a trovare qualcuno disposto ad ospitare il vostro articolo sul loro portale. Così potrete ottenere un link molto profilato e di conseguenza di maggior valore rispetto a un link non tematizzato.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]4[/dropcap]Tecnica dei link rotti

Ci saranno sempre dei link rotti presenti nel web. Questi collegamenti mancanti possono diventare un grande vantaggio per la vostra campagna di link building.

Ci sono moltissimi tool per poter cercare i link rotti presenti nei siti; ad esempio Screaming Frog, un tool molto utile per ogni SEO che si rispetti, oppure si possono trovare tante estensioni per i browser che analizzano le pagine che visitate alla ricerca di link rotti.

Una volta trovati questi link rotti sarà sufficiente contattare il webmaster del sito in questione, fargli presente la situazione e proporgli il vostro articolo come approfondimento.

Va da sé che l’articolo che propone deve per forza essere tematizzato, altrimenti non avrebbe senso che il sito dal quale avete trovato il link rotto linki verso il vostro.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]5[/dropcap]Costruire relazioni

Costruire delle relazioni durature è essenziale per poter condurre una campagna di link building che si rispetti.

Questa tecnica, se così vogliamo chiamarla, è importantissima perché non solo vi permette di prendere un link, ma vi mette nella condizione di creare una relazione fisica con questa persona, garantendovi che il link rimanga lì dov’è.

Non da meno inizierete a far parte di una piccola community legata alla vostra nicchia e quindi potrete trovare altri link possibili da altri siti relativi al vostro argomento.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]6[/dropcap]Avere un blog sul proprio sito

Una tecnica che funziona ancora nel 2019 per ottenere link al vostro sito è quella di avere un blog, quindi se non ne avete uno è il momento di iniziare a crearlo.

Quando cominciate a scrivere sul vostro blog state creando dei contenuti riguardo alla vostra nicchia di appartenenza; perciò altri siti che fanno parte della vostra stessa nicchia saranno felici di linkarvi se i vostri articoli sono ben strutturati e utili per l’utente.

Creare regolarmente articoli di alta qualità è senz’altro un’ottima strada per ottenere link di alta qualità per il vostro sito.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]7[/dropcap]Convertire le menzioni in link

Convertire le menzioni in link è un’ottima strategia in ottica link building; è anche molto semplice ottenere un link perché qualcuno vi ha già menzionato, quindi non dovrete cercare di ottenere il link, ma dovrete semplicemente dirgli di inserire il link che vi menziona.

Ci sono molti tool che aiutano a scovare le menzioni, uno tra questi è Buzzsumo che vi permette di trovare chi sta parlando di voi nel web.

 

[dropcap font=”” size=”1″ background=”” color=”” circle=”0″ transparent=”0″]8[/dropcap]Tecnica del grattacielo o Skyscraper

E’ la tecnica più difficile e più complessa da mettere in atto, ma è senz’altro quella che vi farà guadagnare tonnellate di link di qualità. Tecnica coniata da Brian Dean di Backlinko.

Dovete creare dei contenuti, come dice Brian: “REALLY AMAZING”, attorno ad uno specifico problema che riguarda il vostro business e fornirne la soluzione attraverso il vostro contenuto che andrete a scrivere.

Se sarete bravi a scrivere un ottimo contenuto, molto probabilmente otterrete molti backlink autorevoli.

 

Fate attenzione con la link building

  • Non linkatevi a vicenda tra sito A e sito B perché Google e gli altri motori di ricerca sono abbastanza bravi nello scoprire questo scambio di link e rischiate quindi di venire penalizzati (e poi sono dolori).
  • Usare un’ancora troppo ottimizzata può essere molto pericoloso perché anche in questo caso è evidente che state spingendo troppo.
  • Aggiungere il vostro sito su ogni directory esistente sul web vi farebbe perdere del tempo e questi link potrebbero avere un effetto negativo, cercate solo le directory strettamente correlate con il vostro business.
  • Non aggiungete link con ancore ottimizzate nei commenti e nella firma dei vostri post.
  • Non comprate mai link poichè Google non incoraggia questo comportamento.
  • Scrivete dei bei contenuti ed otterrete link buoni.

Fonte Search Engine Watch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *